LA RISERVA

INTRODUZIONE


La Riserva Naturale Regionale “Calanchi di Atri”, istituita nel 1995 ove la Comunità Europea aveva già identificato un Sito di Interesse Comunitario (SIC), diventa nel 1999 un’Oasi WWF con lo scopo di preservare circa 600 ettari di natura, flora e fauna

Essa racchiude forme di erosione che qui assumono un aspetto impressionante: i calanchi.


Ph. Alessio Felicioni
 
Ph. Alessio Felicioni

Le caratteristi­che di biodiversi­tà e geodiversità dei Calanchi con­feriscono quelle doti di unicità al paesaggio agrario, tanto da renderla un'area di interesse  nazionale, conservando una delle forme più affasci­nanti del paesaggio costiero adriatico. 

Impo­nenti architetture naturali note ai più come "Bolge dantesche" o "Unghiate del Diavolo" e dette in vernacolo "li Ripe". 

More info

The Nature Reserve "Calanchi di Atri" (Badlands of Atri), estab­lished in 1995, covers 600 hec­tares, spreading from the valley floor of the Piomba stream at 104 mt above the sea level to the Colle della Giusti­zia (Justice HiIl) at 468 meters above the sea level. The biodi­versity and geological diversity of the bad­lands make the agricultural landscape a unique natural heritage site and an area of great national importance. The badlands, known also as "Dantesque pits of hell” or “devil's scratches" called in dialect "li Ripe" (escarpments), thanks to their imposing architecture, are one of the most fascinating aspects of the Adriatic coastal landscape. Past deforestation and pastures has brought to the surface clay soils, which, eroded by the alternation of periods of rain and drought, produce these particular forma­tions.

Come nascono i calanchi? 

I calanchi sono un fenomeno geomorfologico erosivo provocato dall'acqua, tipico del clima mediterraneo. Perché si formi un calanco sono necessarie alcune condizioni: terreno prevalentemente argilloso ma con una certa percentuale di sabbia, versanti con pendenza elevata ma non eccessiva, esposizione preferibilmente a sud, suolo sottile e clima caratterizzato da fenomeni temporaleschi e stagioni secche.

L'argilla è un terreno formato da particelle microscopiche di forma lamellare, che aderiscono fra loro. Quando l'argilla è asciutta, il terreno diventa secco e pulverulento, con crepe e fessure sulla superficie; quando è bagnata diventa “plastica” e può essere facilmente modellata con le dita. I minerali che la compongono contengono poche sostanze nutritive facilmente utilizzabili dalle piante, che attecchiscono faticosamente.

Su un terreno argilloso secco e fessurato, l'impatto violento delle gocce d'acqua di un temporale provoca la disgregazione di piccole particelle di terra; se la pendenza è abbastanza elevata l'acqua scorre velocemente in superficie e nelle fessure, asportando ulteriori particelle e creando una serie di rigagnoli (ruscellamento).

Se le condizioni sono favorevoli, la velocità di erosione è superiore a quella di pedogenesi (cioè alla formazione di suolo adatto ad ospitare vegetazione). Il terreno si spoglia rapidamente del suolo, i rigagnoli s'ingrandiscono e si approfondiscono (erosione per fossi), aumentando di numero fino a disegnare un fitto reticolo idrografico in miniatura, con vallecole dai fianchi ripidissimi in cui l'erosione di fondo è più veloce di quella laterale (calanco).

Le particelle di argilla erose dall'acqua, che sono piccole e leggere, si accumulano alla base del calanco e vengono trasportate dai corsi d'acqua fino al mare. Nella parte alta del calanco, invece, la pendenza è così elevata che il terreno argilloso non può essere stabile: piccole frane si staccano continuamente, provocando l'arretramento del calanco fino alla sommità della collina. 

The development of the badlands 

The badlands are typical geomor­phologic processes of erosion that occur under the Mediterranean cli­mate. Certain conditions are neces­sary to form badlands: clayey ground with a certain percentage of sand, steep slope preferably with a sou­thern exposure, a climate characterized by the alternation of storms and dry seasons, and, of course, the absence of vegetation cover.
About two million years ago the apennine mountains were already formed in their main features. The­re were no hills and the Adriatic Sea reached the foot of the Gran Sasso. Gravel and sand settled near the coast, while the clay stood offshore. The formation of the apennine mountains continued: the areas in front of the Gran Sasso were raised and emerged from the sea, the co­astline shifted eastwards, covering the gray Plio-Pleistocene clays with layers of sand and gravel. Less than one million years ago the coastline reached Atri.
The calcareous pebbles, transported by the rivers, were placed along the beach, linked with the grains of sand by the water and its minerals. This process formed the large conglo­merate blocks, which you can still observe in the cliffs of the Colle di Giustizia or in the caves of Atri.

Le piramidi di terra

Ph. Adriano De Ascentiis

Ph. Adriano De Ascentiis

LE PIRAMIDI DI TERRA DEI CALANCHI DI ATRI - Earth Piramids

Queste bellissime emergenze geologiche sono osservabili nella bellissima Oasi WWF, dai due belvederi panoramici presenti sul sentiero della Brecciara e su quello di San Paolo. 
Le piramidi di Terra, nome con cui i geologi chiamano queste interessanti e suggestive strutture, non sono atro che il frutto delll'erosione delle acque su materiali di diversa natura. Nel caso specifico, il duro conglomerato di tetto presente sulla porzione apicale della piramide, ha protetto dall'azione erosiva delle acque le morbide argille plio-pleistoceniche, generando questa particolare struttura di circa 10 m di altezza. 

I Calanchi di Atri e le Piramidi di Terra, per il loro interesse scientifico sono state inserite dall'ISPRA nell'inventario Nazionale dei Geositi.

 


Scarica allegato ALLEGATI

» Scarica brochure Italiano

» Download DEUTSCH

» Download ENGLISH


Copyright ©2008 Riserva Naturale Regionale Oasi WWF "Calanchi di Atri" - P.Iva 00076610674 - Tutti i diritti riservati
Piazza Duchi D'Acquaviva CAP 64032 Atri (TE) - tel./fax +39 085 8780088, info@riservacalanchidiatri.it